HomeDove TrovarciContatti
30-07-2021 10:39:41

Alimini: le difficili attività di spegnimento


Nelle prime ore dello scorso mercoledì 21 luglio, un vasto incendio si è sviluppato in località Alimini nel Comune di Otranto.
L’area, interposta tra laghi e mare, è caratterizzata da una fitta vegetazione e ad alto fusto, contornata da strutture ricettive, villaggi, lidi e viabilità interna pedonale e carrabile.
Sono ancora da accertare le cause di innesco dell’incendio, al vaglio dei Carabinieri Forestali, ma la macchina dei soccorsi per lo spegnimento, attivata sin da subito, ha lavorato, come di fatto continua a lavorare, per mettere al sicuro l’importante vegetazione con gli insediamenti limitrofi.

Una prima stima approssimativa conta una superficie bruciata pari a poco meno di 30 ettari di pineta, fermo restando che la perimetrazione dell’area sarà misurata con precisione a fine intervento dai Carabinieri Forestali.
Nei primi 5 giorni di attività le squadre di Vigili del Fuoco, Volontari e ARIF hanno bloccato i fronti fuoco, sviluppati a più riprese nella pineta. Necessario anche l’intervento aereo per due giorni consecutivi con diversi aeromobili.
Sono state di fondamentale importanza le riprese degli APR Del 1° Stormo Droni del CVPC LE, dei Vigili del Fuoco e della Sezione Protezione Civile della Regione Puglia.

Successivamente si è proceduto al rilievo GPS dell’ area interessata, con l’utilizzo di un Quad in uso operativo al coordinamento provinciale.

Sul posto, a supporto delle attività di coordinamento e per il sostegno delle squadre antincendio, è stato attivato il PCM (posto di coordinamento mobile) del CVPC LE.

Nei scorsi giorni la Sezione Protezione Civile della Regione Puglia ha attivato due particolari macchine operatrici per la pulizia e la rimozione della vegetazione secca.

Attualmente sono ancora in corso le delicate attività di bonifica con tutti i componenti del sistema di protezione civile. Le squadre AIB di Volontari di tutta la provincia, si alternano sul posto per garantire una continuità della strategia di spegnimento concordata senza sguarnire i propri territori.


Stampa - Letture: 323 | Stampe: 26